Podio Nazionale per Mattia Prosdocimo nel Campionato Italiano di Judo

A Roma, dopo un anno da record e senza mai scendere dal podio, l’atleta del Judo Vittorio Veneto ha vinto questa volta il bronzo nazionale nella finale del campionato italiano di Judo.

Il risultato ottenuto a Roma era nell’aria.  Nonostante la partecipazione a tutte le gare regionali, nazionali ed internazionali del fitto calendario agonistico del Judo Vittorio Veneto, Mattia Prosdocimo non era infatti mai sceso dal podio per un intero anno. Se poi consideriamo che tra i gradini del podio il judoka vittoriese si era guadagnato quasi sempre il primo posto, alternandolo a qualche rara medaglia d’argento e di bronzo, non c’è da meravigliarsi se più d’uno aveva azzardato il pensierino di un buon risultato anche nella gara più prestigiosa dell’anno. Tra il dire e il fare, come si sa c’è però di mezzo il mare e trovarsi alla fine tra i migliori è selezionati 50 atleti di tutta Italia non è poi una passeggiata.  Alle difficoltà poste dagli avversari, nel Judo si aggiunge poi la variabile arbitrale, dove la complessità delle situazioni che si creano durante un incontro ha di certo un peso non indifferente.   Ne sa qualcosa anche Mattia, che in questa occasione e dopo sei incontri vinti con determinazione, è purtroppo intoppato in alcune discutibili valutazioni arbitrali che non gli hanno permesso di accedere all’ incontro di finale. Pazienza, ciò che importa alla fine è l’aver dimostrato che nel suo primo Campionato Italiano e nonostante l’ ancor giovane età, Mattia sia riuscito a spiccare tra i migliori d’Italia, con la facile previsione che di lui sentiremo parlare molto anche nei prossimi anni. Tradite invece dalla prevedibile emozione della prima finale nazionale, le rimanenti e pur brave compagne di squadra Martina Paier ed Elisa Frare non sono purtroppo riuscite ad esprimersi ai livelli che avevano permesso loro di farsi largo senza problemi nella gara di qualificazione.

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*